La conoscenza del modello ICF per una migliore inclusione scolastica

Dal 2003 il 3° Circolo Didattico è stato designato dall'UST di Pavia come sede del CTRH di Pavia; per l'attuazione di tutte le iniziative relative alla disabilità, la Direzione Didattica del 3° Circolo ha costituito una RETE TERRITORIALE sottoscritta dalle Istituzioni Scolastiche di ogni ordine di scuola situate sul territorio.

Negli anni 2007/2009  il MPI ha promosso il Piano Nazionale di Formazione e Ricerca "I CARE", progetto rivolto ai problemi dell'integrazione scolastica e sociale dei ragazzi con disabilità, finalizzato a promuovere una effettiva dimensione inclusiva della scuola italiana.

Per la partecipazione al  Progetto I CARE il 3° Circolo Didattico di Pavia ha  costituito una rete territoriale composta da tutte le 4 Direzioni Didattiche presenti nella città di Pavia (in seguito divenute 5 Istituzioni Scolastiche per la riorganizzazione di una di esse):  lo scopo della rete è stato  quello di stringere una forte alleanza a livello cittadino nella condivisione di un bisogno comune a supporto dell'inclusione, attraverso la co-partecipazione ad un disegno unitario, il progetto   

 "La conoscenza del modello ICF per una migliore inclusione scolastica".   

Il Progetto di ricerca-azione è stato realizzato in collaborazione con l'Università della Valle d'Aosta, attraverso il coordinamento e la consulenza professionale di una  Docente  di Pedagogia e Didattica Speciale, esperta sull'argomento.

La Direzione Generale per lo studente, l'integrazione, la partecipazione e la comunicazione del MIUR ha pubblicato, in data 29/09/2010, il bando per la presentazione di progetti da parte delle istituzioni scolastiche per la sperimentazione nella scuola della cultura del modello ICF, redatto dall'OMS con l'intento di diffondere un approccio all'integrazione focalizzato sul ruolo determinante che l'ambiente scolastico, nei suoi molteplici aspetti, svolge nell'effettiva integrazione degli alunni con disabilità.

La Direzione Didattica del 3° Circolo ha presentato come scuola capo-fila in rete con altre 13 Istituzioni Scolastiche del territorio, il Progetto "La conoscenza del modello ICF per una migliore inclusione scolastica", in un'ottica di continuità e di trasferibilità delle buone pratiche di lavoro acquisite a partire dall'a.s. 2008-09 con il Progetto I CARE.

Login utente